SOLIDARIETÀ PELOSA

«Sai, è vero che parliamo di no-profit, ma sostanzialmente si tratta di vendere prodotti». Proprio così. In gergo, il tipo di mansione si chiama «fundraising face to face» e prevede un’ opera di sensibilizzazione diretta in piazze, stazioni ferroviarie, aeroporti e nei pressi di eventi delle grandi città italiane, alla ricerca di potenziali sostenitori disposti a sottoscrivere un impegno a donare.
E pensare che più del 70% del bilancio Unicef serve a pagare le retribuzioni e viaggi del personale.

CARINI SIMPATICI E PRECARI – SONO I GIOVANI CON LE PETTORINE DELL’UNICEF O DELL’UNHCR