Close

QUANDO LA TOPPA É PEGGIO DEL BUCO

30 Luglio 2020

La Maddalena, l’ordinanza del Parco consente di raggiungere la spiaggia nell’orario protetto ai vacanzieri dei barconi da traffico, ai residenti e ai nativi. Barche private e a noleggio resteranno in rada.
Sfugge completamente il senso di questa ordinanza che accontenta le lobby dei barconi, i residenti ed i nativi ma non certo tutela quel fazzoletto di spiaggia aperto perché se vogliamo essere realisti il “carico antropico” è comunque eccessivo.
Immaginate i BARCONI che vomitano almeno 200 persone a viaggio. Moltiplicate quel numero per i BARCONI autorizzati e poi per il numero di viaggi che ogni BARCONE compie ogni giorno.
Vi accorgerete che sono le migliaia di persone che vengono spiaggiate in 50 metri di sabbia che fanno i veri danni.

Ed ulteriori danni li fanno proprio i barconi, che con motori antiquati ed eliche potenti danneggiano ed inquinano.

Questo e’ l’esempio di come certe lobby limitano da sempre lo sviluppo del turismo sostenibile a La Maddalena.

Ci vuole coraggio e visione per far diventare l’ambiente una risorsa perché la strada dei “divieti” è stata, ed è percorsa, da anni senza successo.

Fra poco si voterà per la nuova amministrazione, mi auguro che ci sia il coraggio di proporre un progetto di sviluppo economico per questo arcipelago che non si limiti ad 1 mese e 1/2 di turismo, perché con i divieti e le lobby non ci puo’ essere alcun futuro e neppure sopravvivenza.

La Maddalena, l’ordinanza del Parco consente di raggiungere la spiaggia nell’orario protetto ai vacanzieri dei barconi da traffico, ai residenti e ai nativi. Barche private e a noleggio resteranno in rada

Al Cavalieri di Budelli divieto di sbarco, per pochi, dalle 10.30 alle 16

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

social_facebook