Primo Premio “Sostenibilità ambientale e sociale – Efficienza energetica e innovazione nell’edilizia” di Anci e Ministero dell’Ambiente alla la Casa della danza e della musica

Il Comune milanese si aggiudica il primo premio a livello nazionale per la Casa della danza e della musica, l’edificio a impatto zero realizzato senza essere costato nemmeno un euro alle casse dell’Ente.

Basiglio, 14 giugno 2012 – Basiglio, in provincia di Milano, è Comune modello a livello nazionale per quanto riguarda l’efficienza energetica e l’innovazione nell’edilizia. Il piccolo Comune meneghino fa infatti parte della ristretta cerchia di sei Enti locali che hanno ricevuto a Roma il premio “Sostenibilità ambientale e sociale per il Comune. Efficienza energetica e innovazione nell’edilizia”, patrocinato dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dall’Anci e dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri.
L’importante riconoscimento, arrivato nell’ambito dell’edizione 2012 del premio, è stato assegnato all’amministrazione basigliese per la realizzazione della Casa della danza e della musica, struttura polifunzionale che ospita una scuola di arti, un centro per gli anziani, un bar con prodotti biologici e un’area ricreativa, costruita secondo i dettami della bioarchitettura.
Fatta esclusivamente con materiali naturali quali legno e argilla, e dotata di sistema di riscaldamento e raffrescamento geotermico, la struttura è stata premiata per “aver saputo coniugare le esigenze prestazionali energetiche con la qualità “naturale” dell’edificio”, oltre che per essere un esempio di “un rapporto nuovo con l’ambiente”.
“La Casa della danza e della musica, inaugurata nel 2008, è stata la prima struttura polifunzionale pubblica in Italia realizzata secondo i principi della bioarchitettura. – ha sottolineato il Sindaco di Basiglio, Marco Flavio Cirillo – Il premio che abbiamo ricevuto conferma che la strada intrapresa da questa Amministrazione per fare di Basiglio un Comune modello di sviluppo sostenibile e rispettoso dell’ambiente è quella giusta, grazie alla quale riusciremo a garantire ai nostri cittadini una qualità della vita e di servizi sempre più alta”.
Ma non solo. Il riconoscimento premia anche il metodo attraverso cui l’edificio è stato realizzato, in soli cinque mesi di lavoro e senza un euro di spesa a carico delle casse comunali. Una superficie complessiva di 940 metri a “impatto zero”, l’edificio è infatti costato complessivamente 2 milioni e 200 mila euro, ma, essendo stato inserito tra le opere a carico dell’impresa impegnata nel piano integrato d’intervento “Basiglio Nuova”, non è costato nulla al Comune.
“La scelta di non monetizzare tutti gli oneri dovuti per legge dalle imprese che stanno realizzando interventi sul territorio comunale, ma di convertirli in opere pubbliche, ci ha consentito di aumentarne notevolmente il valore, arrivando anche a triplicarlo. – ha spiegato il Sindaco Cirillo – Inoltre, questa strategia ha permesso all’Amministrazione di realizzare molti interventi e progetti che, altrimenti, sarebbe stato impossibile anche solo immaginare a causa dei vincoli imposti dal Patto di stabilità”.