Dice Floris: “…… Renzi, Salvini, Meloni. Oggi però i…

Dice Floris: “…… Renzi, Salvini, Meloni. Oggi però i quarantenni stanno cedendo lo scettro ai 60-70enni, e forse agli ottantenni. Se prima sembrava fondamentale che il politico fosse giovane; ora sembra fondamentale che sia maturo. Gentiloni e Mattarella incarnano la competenza, il lasciar posare i problemi per spacchettarli e affrontarli in maniera metodica. Perché loro ci riescono e i giovani no?».
Semplice: l’arroganza contro l’umiltà, l’escludere invece che includere, la superficialità contro la serietà, l’impulsivita’ contro la riflessione, l’approssimazione contro la preparazione, l’inesperienza contro l’esperienza……sono i nuovi (dis)valori che piacciono al pubblico il quale poi si lamenta se non si è in grado di risolvere i problemi strutturali di questo paese.
Floris dovrebbe saperlo, le sue trasmissioni altro non facevano che enfatizzare i dis-valori dei “giovani” contro i valori di una classe politica definita “vecchia.
Tant’è

Floris: «Politici quarantenni superficiali e impreparati. Così tornano i maturi»